Un saluto a chi è già partito!

Quelle che erano solo voci si sono fatte sempre più consistenti, così la maggior parte di voi, cari amici splinderiani, ha già migrato il suo blog chi qua chi là. La cosa non è difficile e tutte le piattaforme sono più o meno comode però, come ho già detto a qualcuno io non migro (mi sento tanto un pastore abbruzzese di D'Annunzio con questo verbo).

Lo prendo come un segno, il tempo del blog è passato nella mia vita almeno per ora e semmai vorrò ricominciare lo farò da zero.

Con qualcuno -molti –  di voi, ho certamente modo di restare in contatto. Con pochi, spero, ci perderemo ma non abbiamo detto sempre che il blog rispecchia la vita reale?

Un saluto però lo voglio lasciare a  chi mi ha virtualmente fatto compagnia in questi anni a volte difficili ma sempre vissuti intensamente. Chissà forse è tardi e già siete impegnati nelle vostre nuove pagine. Ci avrò provato, in tal caso!

Pubblicato in Uncategorized | 6 commenti

Mav

Sono un po' tiepida sulla nuova concezione dei musei, pochi oggetti e molta tecnologia, un po' mi attraggono ma un po' mi sembrano che 'desacralizzino' l'istituzione facendo diventare il museo più parco divertimenti e meno dimora della cultura.

Questa almeno era la sensazione che avevo avuto la scorsa estate al Museo Delle Alpi a Bard, che ha pure tante cose belle (come la ricostruzione in scala reale di un villaggio di montagna con oggetti e mobili originali all'inizio del 900, o una bellissima raccolta di arte sacra di montagna) ma mi disorientava nelle grandi sale piene solo di installazioni multimediali.

Il Mav (Museo Archeologico Virtuale) di Ercolano visitato ieri mi è piaciuto invece, o perchè le installazioni sono particolarmente efficaci (come quando si passa attraverso una montagna di lava, oppure si viene spruzzati dall'acqua sollevata da scavi subacquei, o ancora si agita il vapore nella ricostruzione delle terme) o perchè il percorso visivo è omogeneo e compatto, un vero e proprio viaggio tra l'antica Ercolano e le emozioni di chi a essa si è appassionato.

Non mancate di vederlo se passate in zona. Perlomeno potrete dopo passare di qua e dirmi il vostro parere!
 

Pubblicato in arte, bambine, libri, napoli, valle d aosta, viaggi | 9 commenti

Gita di Ottobre a Roma

Chi mi conosce bene sa quanto ami Roma, in un certo senso la mia seconda città, di conseguenza quando ne ho la possibilità non mi faccio mai scappare l'occasione di una visita. Ora con l'alta velocità vi arrivo in un'ora e 10…meno che arrivare da un capo all'altro della mia città!

Stavolta ho fatto un giro turistico puro: due mostre e trattoria a Trastevere.

Appena arrivata, dopo un caffè in un pub irlandese, sono andata a visitare 'Realismo socialista' al Palazzo delle Esposizioni:


 

L'ho trovata interessantissima, un modo originale di ripercorrere la storia dell'Unione Sovietica dagli anni 20 ai 70, attraverso questi grandi quadri che ripercorrono, sogno e propaganda, disillusione e sperimentazione.

Dopo la mostra un po' in giro per Roma per raggiungere il chiostro del Bramante attraverso Piazza Venezia e Piazza Navona dove c'era la mostra dei pittori orentalisti nell'800.

Completamente diversa dall'altra! Non più grandi spazi ma piccoli quadri che si visitano con un sottofondo di musiche e profumi orientali.  Una ricostruzione di atmosfere da mille e una notte: il deserto, le carovane, la bellezza delle donne, le architetture da fiaba, accompagnati dalle prose di Edmondo De Amicis.

 

La mattinata è stata intensa, la pausa pranzo era d'obbligo. Sono arrivata a 'la Trattoria degli amici', attraversando Campo de Fiori e Ponte Sisto dove ho mangiato ottimamente.

In prima serata ero già a Napoli. Toccata e fuga certo ma quanto intensa!

Pubblicato in a tavola, arte, italia, mondo, musica, viaggi | 20 commenti

Caro Blog…

Caro Blog,
lo so ti sto trascurando…avrei tante cose da scriverti, raccontarti meglio di cosa è stata Gerusalemme, del viaggio a Monaco di Baviera, il Settembre a Napoli dove sembra si respiri un'aria nuova, dell'emozione che mi ha dato la doppia prima comunione delle mie bambine…e invece no, non riesco a fermarmi e a fissare questi pensieri (ma a dire il vero non trascura solo te, ma tutti i mondi virtuali che da sempre frequento). 

So che non me ne vorrai e mi saprai aspettare, vero? In fondo i veri amici non si vedono anche in questo?

Pubblicato in bambine, napoli, viaggi, vita dello spirito | 9 commenti

Fuoco

Gli incendi vicino casa sembrano una cosa dei film medioevali o al massimo dei telegionali estivi.

Quello di ieri ha solo sfiorato un quartiere limitrofo al mio, ma non ha mancato di impressionarmi. La collina di fronte casa mia bruciava e si avvicinava sempre più alla zona abitata.


In serata si è detto che era stato circoscritto, da casa vedevo che le fiamme iniziavano a ritrarsi, ma ci è voluta una notte intera e stamane continuavano a spegnerlo. Stanotte ogni paio d'ore mi affacciavo sperando di vederlo finalmente cessato del tutto.

La natura, presenta sempre il suo conto, prima o poi

Pubblicato in napoli | 7 commenti

Foto estive

Dall'album dei ricordi:

Arcobaleno Scario (SA)

Tramonto a Gerusalemme dal monte degli Ulivi
 

Sì lo so entrambe forse troppo 'a cartolina' ma le ho fatte io e a me vanno bene così!

Pubblicato in cilento, foto, viaggi | 17 commenti

Classici della Gioventù

Questa è la prima estate che le mie figlie inziano a leggere libri di una certa consistenza.

E mi fa piacere che quasi da sé abbiano iniziato a leggere proprio gli stessi libri che leggevo io alla loro età: 'Il giardino segreto' 'Ventimila leghe sotto i mari' 'Il giro del mondo in ottanta giorni'.

Peccato non aver conservato quei libri, ne potevo avere una cinquantina, della collana 'i classici della gioventù' mie prime letture, ma erano edizioni economiche, passati già per varie mani…e prevaleva la passione dell'ordine di mia madre, insieme a una certa razionalità che le imponeva l'eliminazione fisica del libro qualora questo non servisse più nell'immediato; non li buttava in genere ma li regalava volentieri.

Vuol dire che si ricostituirà il fondo…

 

Pubblicato in bambine, libri | 14 commenti