As the world falls down

Chiacchierando con un'amica su facebook mi è venuto in mente questo vecchio video di David Bowie.

E' forse la scena clou del film Labyrinth, visto intorno a 17 anni, che riprende il vecchio topos, da Cappuccetto Rosso in poi, della vergine attratta dal cattivo.

Labyrinth però ha qualcosa in più: quanto il cattivo un (allora) affascinante David Bowie è davvero 'altro' dalla ragazza o altri non è che una proiezione dei suoi desideri e del suo lato più oscuro? A 17 anni non afferravo questo concetto al contrario di oggi che sono molto più interessata al tema della proiezione nell'ambito dei rapporti interpersonali.

Ma non filosofeggio oltre…godetevi intanto una bella canzone (ma non anticipa forse un po' la scena dell'orgia in Eyes wide shut?)

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in cinema, musica. Contrassegna il permalink.

22 risposte a As the world falls down

  1. jouy ha detto:

    E' un genere di film che non mi piacciono … sarò rimasta indietro io, c'è da dire che aprì una stagione diversa.

  2. affabile ha detto:

    Beh a me piacque a 17 anni…Però li vedo con piacere quando capita, seppur non eccessivo, oppure li rivedo con nuovi occhi come mi capitò l'anno scorso con la storia infinita

  3. giarre ha detto:

    a me in genere piacciono ma non me lo ricordo questo pero il periodo era bruttino per me 1986!!! Diciamo che toccai uno dei miei minimi

  4. mammaoggilavora ha detto:

    io voto per la proiezione dei desideri… 
    In effetti mi ero persa Labirinth, quando era uscito non ero appassionata del genere e mi sono avvicinata a Bowie oltre la trentina, sia per la musica che per i film (ho apprezzato molto L'uomo che cadde sulla terra, però l'ho visto senza doppiaggio, non so se la versione italiana dia le stesse emozioni). Cercherò di vedere Labirinth, quel che hai mostrato mi intriga! grazie!

  5. Cosimopiovasco ha detto:

    Labyrinth è un piccolo capolavoro misconosciuto, purtroppo, ingiustamente confinato tra le pellicole di genere (il commento di Jouy è rivelatore dell'atteggiamento della gran parte del pubblico), pieno zeppo di simbolismi e di citazioni colte, da Alice in Wonderland  al Mago di Oz, pervaso da una suggestione visiva e da una poesia non comuni, e diretto da un mago dell'animazione, quel Jim Henson che, assieme al collega Frank Oz, ci ha lasciato (assieme ai conosciutissimi Muppets) quell'altro gioiello sconosciuto che è Dark Crystal.
    Hai fatto bene a riproporlo, Lidia, spero faccia venire a qualcuno la voglia di guardarlo.
    Bacioni, tuo
    Cosimo

  6. affabile ha detto:

    Beh Cosimo questo tuo commento mi fa proprio piacere che mi conferma la mia sensazione di aver visto tanti anni fa un piccolo gioiellino.Citazioni colte oltre quelle che citi? Certamente la scena finale ispirata a Escher (geniale, usare i temi di Escher quale set, secondo me) o anche altre? E il bello è che su youtube c'è la versione integrale in italiano!
    Dark crystal non lo conoscevo, è qualcosa di simile?

  7. Cosimopiovasco ha detto:

    Sì è no… mentre Labyrinth è un film con attori in carne ed ossa che interagiscono coi famosi pupazzi animati di Henson, Dark Crystal è interpretato unicamente da burattini in uno scenario fiabesco e completamente artificiale. Un film quasi unico nel suo genere, praticamente introvabile fino a qualche tempo fa; io lo vidi al cinema poco dopo la sua uscita (1982), e dopo faticai non poco a trovare un VHS in lingua originale (tradotto non c'era). Adesso credo che sia disponibile anche su DVD; su YouTube ce ne sono vari spezzoni in inglese, ma senza uno schermo adeguato la magia della narrazione si perde un po'…
    Bacioni, tuo
    Cosimo

  8. egle1967 ha detto:

    Interessante post e interessanti i commenti. Devo proprio riguardarlo!

  9. Lindadicielo ha detto:

    Gran bel film… e per i tempi molto ardito. Un ottimo vintage, anche nella scelta dei costumi, delle capigliature e delle musica.
    E poi, Bowie è sempre Bowie.

  10. piadellamura ha detto:

    non lo conoscevo…grazie.

  11. alessandra62 ha detto:

    Non ricordavo questo film che provvederò senz'altro di vedere, il genere mi piace. Concordo con egle, post interessante ed anche i commenti che mi hanno fatta diventare piccina piccina incapace di aggiunger parola.E' stato detto di tutto e di più. Un caro saluto

  12. coloratissimo ha detto:

    Bellissimo il film e un grande Bowie.
    Buona settimana,fulvio

  13. mammaoggilavora ha detto:

    io ce l'ho dark crystal in dvd, pero' in francese…e' davvero un bel film.

    gia' che ci siamo, vi vorrei proporre anche un altro film d'animazione, un po' off topic, ma che ha il suo charme d'inizio anni settanta. Si intitola La planete sauvage, e' strano ma a me e' piaciuto. Voi che ne pensate? 

  14. affabile ha detto:

    Non lo conosco è tradotto in Italiano? Ci vorrebbe Cosimo a dire il suo parere, chissà se ripassa (in genere non ripassa nei post tanti giorni dopo)

  15. ladolcetempesta ha detto:

    ho in mente di farmi una piccola videoteca da vedere quano andro'
    in pensione mettero' anche questo tuo gioiellino poi ti diro' la mia impressione :-))

    ciao donnaffabulosa

  16. mammaoggilavora ha detto:

    imdb me lo da con il titolo italiano "il pianeta selvaggio", quindi dovrebbe essere stato tradotto anche in italiano… non ho idea di quanto sia trovabile (o introvabile). In Francia é considerato un grande classico…

  17. Cosimopiovasco ha detto:

    Sì che ripasso, di tanto in tanto…
    Il pianeta selvaggio è un altro capolavoro assoluto del cinema di animazione, diretto da René Laloux con la collaborazione del grande Roland Topor… è passato anche in Italia (doppiato in italiano), io lo vidi più di trent'anni fa a un cinema d'essai (mi sembra a Sesto San Giovanni), dove fecero una memorabile rassegna di film di fantascienza introvabili… tipo Glen e Randa di Jim McBride, L'uomo che fuggì dal futuro di George Lucas e, per l'appunto, Il pianeta selvaggio, assolutamente bellissimo…
    Ah, a proposito: The Dark Crystal l'ho ritrovato (e rivisto) poche sere fa su Italia Film (http://italia-film.com/), doppiato in italiano (con la splendida voce di Nando Gazzolo narratore fuori campo); purtroppo una copia in bassa definizione e di qualità scadente, ma chi voglia farsi un'idea…
    Baci, tuo
    Cosimo

  18. Wolfghost ha detto:

    Anche io ero solo un ragazzo quando lo vidi al cinema e successivamente non l'ho mai piu' visto. Mi piacque, ma non esageratamente, e tieni conto che Jennifer Connely era un'attrice che mi piaceva molto (ne ricordo anche il "Phenomena" di Dario Argento), quindi il mio giudizio di allora potrebbe anche essere stato condizionato da questo.
    A parlarne adesso, devo dire che probabilmente la tua disamina del film e' corretta; anche io all'epoca non pensai a tutti questi aspetti… non razionalmente almeno

  19. affabile ha detto:

    Bene terrò da conto queste due segnalazioni!

  20. MonsierVerdoux ha detto:

    film godibilissimo, certo rivisto oggi è forse un pò infantile, però tremendamente visionario e ricco di fantasia. Immenso Bowie.

  21. affabile ha detto:

    A me è piaciuto rivederne qualche spezzone

Rispondi a jouy Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...