In cucina in Autunno

S. ha fatto il suo tema sull'Autunno (ops….ora si chiamano 'produzioni scritte') e accanto ai soliti luoghi comuni sulle foglie che cadono e i colori degli alberi c'è una parte dedicata a me:

'Mi piace l'Autunno perchè quando piove e restiamo in casa mia mamma mi prepara i popcorn, poi quando c'è qualche ospite a cena cucina la zuppa di legumi e le castagne al forno'.

Ha ragione, mi piace di più cucinare in questo periodo, in particolare zuppe e risotti. Le castagne sono una costante della nostra tavola, un po' le raccogliamo noi, più spesso ce le regalano. Ecco, vi regalo una ricetta scoperta in Val d'Aosta di cui ho scordato il nome francese, semplice da realizzare e di grande effetto:

Lessare le castagne e intingerle qualche ora nel miele; servire in coppa, sormontare con panna e decorare con frutti di bosco (vanno benissimo quelli congelati). Peccato non aver fatto la foto!

Questa voce è stata pubblicata in a tavola, amici, bambine, valle d aosta. Contrassegna il permalink.

16 risposte a In cucina in Autunno

  1. tittidiruolo ha detto:

    mmmhh dev'essere un attentato alla dieta, ma gustosa, dolce …ottima!

  2. jouy ha detto:

    Mai mangiata o imbattuta in una ricetta. La proverò. Ciao

  3. juliaset ha detto:

    Hai ragione, peccato che manchi la foto…ma mi è venuta l'acquolina in bocca lo stesso!

  4. affabile ha detto:

    Beh sì decisamente un attentato alla dieta. Diciamo che la scoprii in un rifugio a 1600 mt di ritorno a una passeggiata sotto il monte Bianco e…ci stava pure…poi le castagne non ci sono tutto l'anno…(loro però le conservano nel miele m anon so come…meglio non scoprirlo…)

    Jouy poi fammi sapere…forse l'hanno inventata in quel rifugio (per la cronaca, Maison Veille, sopra Courmayeur)?

    Julia che dici…la rifaccio per fotografarla…:)?

  5. tittidiruolo ha detto:

    Dimmi un po'..posso lessare le castagne secche ? che lessarle fresche e sbucciarle mi sta fatica..mi passa proprio l'idea di applicare la ricetta.

  6. affabile ha detto:

    Io le faccio fresche credo che le secche avrebbero quel che di amarognolo un po' fuori luogo nel contesto.
    Sì è noioso pulirle tienti presente però che non ne servono molte visto che sono solo la base della ricetta, non più di 3/4 a persona magari se grandi anche di meno

  7. mammaoggilavora ha detto:

    adoro le castagne lesse, per cui il tuo piatto mi fa venir l'acquolina in bocca! che delizia,,,

  8. jouy ha detto:

    Può darsi, spesso nei rifugi montani servono cose tradizionali.

  9. ziacris ha detto:

    L'autunno e l'inverno danno più soddisfazione in cucina, le cene migliori con gli amici si fanno in queste stagioni

  10. biribaci ha detto:

    La foto avrebbe completato, ma la voglia di mangiarle è venuta lo stesso 🙂

  11. Lindadicielo ha detto:

    Ma sai che le castagne in novembre sono un'usanza anche di casa mia? fanno così tepore familiare, così senso della tradizione…
    grazie per la ricetta!

  12. Chantilly ha detto:

    Con il fredo, il calore ed i profumi della cucina sono pura coccola… per se e per gli altri:)

  13. giarre ha detto:

    buone le castagne.. anche se… abbastanza.. vietate

  14. giarre ha detto:

    buone le castagne.. anche se… abbastanza.. vietate

  15. ipitagorici ha detto:

    Le castagne non mi fanno perdere la testa, però una volta all'anno una bella mangiata di caldarroste ci sta, specie con sto freddo !

  16. Diamanteviola ha detto:

    Noi ci facciamo delle belle caldarrostate di famiglia, nonni compresi!
    Ciao!!

Rispondi a ipitagorici Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...