Luoghi comuni al contrario

Questa estate ho scoperto questo blog:

luoghi comuni al contrario dopo che avevo letto la recensione del libro che ne è stato tratto 'Scusa l'anticipo ma ho trovato tutti verdi'.

Il gioco è apparentemente semplice: si prende un luogo comune e si cambia una parola, si aggiunge o si toglie un non, si invertono i termini e via dicendo. Ecco qualche esempio:

'Guarda quella pecora sembra una nuvola'

'Ci sono sempre le mezze stagioni'

'Userei anche Linux ma è troppo semplice'

'Questo libro vi farà dormire la notte'

I risultati non sono sempre scontati e fanno affiorare di volta in volta, banalità (mia per esempio: ho scoperto che ne uso molti più di quanto pensassi), amarezza o ironia.

Mi è tornato in mente dopo che sia nel mio post precedente che in Corvi neri all'uranio impoverito questi giorni ho parlato, sotto aspetti diversi di connessione tra linguaggio e pensiero. Un argomento, come ho scritto, che da tanto mi affascina moltissimo

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in giochi, italia, libri, sorrisi. Contrassegna il permalink.

14 risposte a Luoghi comuni al contrario

  1. mammaoggilavora ha detto:

    bellissima scoperta. grazie di averla condivisa!

  2. tittidiruolo ha detto:

    mi unisco al coro dei ringraziamenti, me lo avevi segnalato anche tempo fa, ma mi ero dimenticata..
    ciao.
    nessuna novità: NN

  3. letiziajaccheri ha detto:

    per me linux e' semplice perche' lo usavo quando quel troiaio di windows non c'era 🙂
    bacioni

  4. Cosimopiovasco ha detto:

    Una delle migliori di questo genere risale ad Alexandre Dumas padre:
    Caro Signore,
    mi scuso per la lunghezza di questa lettera, ma non ho avuto tempo di farla più corta.

    Bacioni, tuo
    Cosimo

  5. affabile ha detto:

    Esatto, questa è quel genere in cui il contrario del luogo comune esprime una cristallina verità. Ma mica è sempre così eh! E' questo la cosa divertente l'imprevedibilità del risultato

  6. jouy ha detto:

    Sfido a confutare il titolo del libro! ……

  7. talpastizzosa ha detto:

    mi piace quel blog …

  8. Lindadicielo ha detto:

    Un'idea simpatica, di sottile ironia!

  9. ladolcetempesta ha detto:

    luogo comune associare una nuova nascita
    ad'un maggior impegno :-p
    lo e' forse si ma non per me
    nono purtroppo per me non l'ho nemmeno ancora visto da vicino
    nonna snatura sono ma ho mandato un gran sostituto
    alias nonno gennarino
    sai noi ci alterniamo al salire dai ragazzi
    e ora toccava a lui
    e insieme non si puo'
    quindi nessun aumento d'impegno se non quello
    profuso con attila e i suoi compiti
    che insieme alla casa e al lavoro
    mi tolgono le ore che dedicavo al pc

    ciao :-))

  10. giarre ha detto:

    non ci e' piu trippa per gatti.. solo scatolette sheeba

  11. tittidiruolo ha detto:

    non ci son più gatti per la trippa.

    l'occasione fa l'uomo onesto.

    quando la gatta non c'è i topi si annoiano.
    quando il gatto c'è le tope son felici..

  12. ElisinoB ha detto:

    Bellissima questa: “Si nasce pompieri e si muore incendiari”!
    O “A forza di scrivere non saremo più capaci di mandare SMS”!
    Grazie per la segnalazione. Sempre un piacere passare dalle tue parti.

  13. affabile ha detto:

    Mi piacciono i vostri esperimenti in particolare quelli di Titti. Visto a volte come è efficace il risultato?

  14. Banxy ha detto:

    Piove: governo onesto.
    Carino il blog.

Rispondi a Lindadicielo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...