L'arrivo della Regina di Saba

Ieri sono stata a un matrimonio.

Sobrio (perlomeno rispetto alla media dei matrimoni a Napoli) ma anche festoso e molto bene organizzato in ogni particolare, come il libretto liturgico che riportava in copertina una deliziosa guache settecentesca rappresentante la chiesa.

Ho molto apprezzato la musica che la sposa ha scelto per il suo ingresso. Quelle musiche che hai sempre sentito ma non sapresti mai dire come si chiamano!

La condivido qui. Godetevi Haendel!

Questa voce è stata pubblicata in amici, arte, musica. Contrassegna il permalink.

28 risposte a L'arrivo della Regina di Saba

  1. giarre ha detto:

    la regina di saba…
    che bello che ancora ci sia chi si sposa

  2. azalearossa1958 ha detto:

    brava giarre.
    e aggiungerei:
    che ci creda pure!
    buon sabato!!!

  3. affabile ha detto:

    Già coraggiosi i miei amici vista anche la loro non tenerissima età (38).
    Diciamo che il primo matrimonio, come in questo caso, lo capisco il secondo (l’anno scorso ho partecipato a due matrimoni ‘secondo giro’) mi sembra follia allo stato puro!

  4. ladolcetempesta ha detto:

    il matrimonio e tornato di moda
    ma costa un patrimonio
    nei giorni scorsi nella tua bella citta
    c’e stato un matrimonio  al secondo giro
    con gli stessi sposi
    🙂
    il mio fratellone ha rivoluto confermare la sua promessa alla sua sposa dopo 25 anni ma e stato un matrimonio poco sobrio forse dovuto al fatto dello sfotto’ che si accompagna a chi ha gia dato
    o forse perche non c’e l’emozione del primo si
    io purtroppo non c’ero
    ma conosco chi ancora crede in questo sacramento

    bella la musica ma ti confesso che io al mio matrimonio
    vorro’ sempre l’avemaria di schubert

    ti ho risposto di la’
    si dolore per chi l’ha scritta
    per chi era diretta
    e anche per chi indirettamente l’ha letta

    buona domenica  affabilosa 🙂

  5. cautelosa ha detto:

    Tanti auguri agli sposi di un’unione duratura e serena.
    Bella la musica di Haendel…

    Ea proposito di musica, il prossimo mercoledì cominceranno i concerti della "nostra" orchestra Haydn…
    Il primo prevede l’esecuzione della sinfonia 9 di Mahler. Non la conosco….
    Ciao!

  6. coloratissimo ha detto:

    La musica di Hàndel è meravigliosa,ma per il matrimonio preferisco la sobrietà del rito civile.Trovo avvilente l’essere credenti per un giorno e alle prime avvisaglie di una qualche difficolta invocare il laicissimo divorzio.

  7. Frittata ha detto:

    Il matrimonio…ah, sì, il matrimonio….l’ho fatto trentadue anni fa….continuo ad occuparmene ogni giorno e lui, "il matrimonio", non mi dice mai che sbaglio.
    Allora, fra due cose una è vera: o io sono molto brava o "il matrimonio" tollera completamente i miei incorreggibili errori.
    Sì, ho capito, è sempre chi tollera ad essere il migliore.
    Quindi, posso procedere come ho fatto finora, tanto… va bene tutto … anche la pasta scotta.

  8. affabile ha detto:

    @Cautelosa neanche io la conosco (Non amo troppo i romantici) poi mi dirai.

    @Coloratissimo immagino tu volessi parlare in generale in quanto gli sposi di cui parlo sono profondamente credenti, e si sono conosciuti proprio nella chiesa dove si sono sposati.
    Certo un po’ ipocrita chi si sposa in chiesa "per bellezza" anche se un po’ li capisco…c’è un confine tra sobriet e squallore…nella nostra città  se sei raccomandato ti sposi al castello (e il rito comunque dura un paio di minuti) altrimenti in una stanzetta con un funzionario scocciatissimo che ha mille altre cose da fare…forse un po’ di sensibilità laica non farebbe male e organizzare perchè no? Un matrimonio civile con musica o simili e comunque garantire livello di decoro.

    @ 🙂 Brava Frittata! Spero un giorno di conoscere "il matrimonio"! Ormai conosco te e il tuo collega…:)

  9. ondainlove ha detto:

    ottimo gusto nella scelta delle musiche! … altrettanto buono nella scelta reciproca?

  10. affabile ha detto:

    Bella domanda cara Onda…la verità è che un matrimonio comporta sempre una bella dose di rischio, fosse solo per il fatto che la gente cambia negli anni. Di questi sposi io conosco bene solo lei. Mi ha detto "me lo sono sposata perchè è buono e allegro". Mi sembrano due ottimi criteri di scelta…(gli stessi con cui scelsi io tra l’altro…)

  11. tittidiruolo ha detto:

    bellissima  musica.
    Riguardo al matrimonio non parlo, dico soltanto che io ho già dato, e basta così.
    Auguro a tutti coloro che si sono sposati, che desiderano sposarsi una lungo periodo felice.
    @frittata
    scusa se mi permetto, hai assolutamenteragione che chi tollera è il migliore fra i due, ma, credimi, non è giusto tollerare sempre !

  12. affabile ha detto:

    Però il tema del matrimonio pure è sentito eh? E dire che ne avevo parlato solo per introdurre quella bella musica…

    Titti certamente avrai dato tanto e di più ma qualcosa o meglio qualcuno l’avrai anche ricevuto no? Pensa solo a quelle tre perle…

  13. Rosslare ha detto:

    ****La musica di Hàndel è meravigliosa,ma per il matrimonio preferisco la sobrietà del rito civile.Trovo avvilente l’essere credenti per un giorno e alle prime avvisaglie di una qualche difficolta invocare il laicissimo divorzio*****

    parole …sante!
    il matrimonio in chiesa ha il solo scopo di spillare quattrini agli sposi e fare propaganda religiosa.
    che c’entra una divinità con la voglia di unirsi con la persona che si ama e mettere su famiglia? e poi il matrimonio viene celebrato da un prete, da uno che per sua legge non può sposarsi.
    se fosse per loro non esisterebbe il divorzio e continuano a non dare la comunione ai divorziati.
    aggiungo che per i raccomandati "cattolici" c’è sempre  la Sacra Rota. non vi dico quanto costa annullare un  matrimonio alla Sacra Rota altrimenti diventate tutti…atei 😉

  14. Diamanteviola ha detto:

    Forse oggi non sono dell’umore adatto per un post matrimoniale, comunque…Auguri agli sposi!

  15. ladolcetempesta ha detto:

    nono ross sbagli
    e vro che il matrimonio non ha bisogno di preti per funzionare basta una firma e il rispetto dei patti insiti in tale atto
    rispetto reciproco sostegno e fedelta’
    pero’ vuoi mettere se a santificarlo ci sta un mesaggero di dio che rappresenta veramente il legame tra te e la religione
    e tutta un’altra esperienza
    anche se ammetto che puo non bastare per farlo durare

    io al matrimonio ci credo
    anche se ammetto che oggi e piu difficile
    che possa durare tutta una vita

    e l’ambaradan di contorno a cui non credo

    un saluto alla padrona di casa e ai suoi/sue ospiti

    ps
     in napoliblog ho postato alcuni pillole di ònnadriana
    che ha scorazzato nel blog lasciando qualche sua sfiziosa commentata :-))

  16. Rosslare ha detto:

    cara tempestina, hai centrato il problema.
    non credo che celebrare il matrimonio con l’intervento (presunto) di una divinità (ci sarebbe poi da discutere chi è quel tipo in costume sull’altare che si arroga il diritto di rappresentarla dato che non glielo ha chiesto nessuno nè tampoco la divinità stessa)renda l’unione più forte.
    se io amo una donna e lei ama me  ci sposiamo e basta. Ho verso di lei precisi (e reciproci ) obblighi regolamentati dalla legge e non da una divinità. non vedo cosa c’entri la dottrina, la liturgia e tutte le altre cerimonie accluse.
    perchè per caso gli atei o i buddisti o gli animisti o tutti i non cristiani  non contraggono matrimoni validi?

    la prova è che il divorzio poi frustra  l’intervento della (presunta) divinità che ha "benedetto" il rito in chiesa.
    morale della favola…
    chiesa o municipio se due si vogliono lasciare è uguale, non c’è divinità o sindaco che tenga.

  17. ladolcetempesta ha detto:

     touche
    noi tifiamo i sacramenti sacramentati tie’
    emmm pardon mi son lasciata trasportare
    ovvio che hai tutte le ragioni dalla tua quando parli di impegni presi con il matrimonio che valgono a prescindere se sia rito civile rito religioso e perche no anche un semplice atto di convivenza

    ma che ci posiamo fare se esistono ancora delle persone tempesta in testa che anche se non si sentono meno sposate se un uomo togato o travestito come ami dire tu non benedice il matrimonio lo paragonano ad’una torta favolosa quanto vuoi ma senza la famosa ciliegina che lo completa ma non lo rende meno stabile o meno importante
    sa a volte cosi come i pregiudizi le ataviche sviolinate sulla religione restano sulla pelle e perche no anche i sogni son duri a morire
    hai presente qui ridicoli sogni di bambine in cui si vedono donne tutte di biaqnco vestite e pure avanzare mano nella mano a chi le ha generate per poi essere tacitamente passate a chi per qul patto da firmare di te si prenderanno cura

    ma qui poi si va sul romantico e non e il post giusto qui si parla di matrimonio un pqatto da rispettare con un patner da amare

    ps
    affabilosa perdonami
    l’ardire di andare oltre il post per rispondere a ross
    non lo faccio piu lo giuro ;-p

  18. Rosslare ha detto:

    Tempestina,
    l’amabilità e l’affabilità della teutonica donna è fuori discussione. nessuno sta offendendo nessuno, ella ci ospita volentieri.
    tempestina, ho detto "in costume" e non "travestito"  
    te possino :))))))

    massimo rispetto per chi vuole sposarsi con le musiche di Mozart e il prete sull’altare o con il telegramma del papa  arrivato e letto con notevole  tempestività ma così  come nessuno obbliga i preti e il clero in generale a comportarsi in una determinata maniera così mi piacerebbe che facessero loro, senza mettere il naso in questioni che con la divinità e la religione nulla c’entrano.
    vorrei che recuperassero almeno in parte i loro duemila anni di arretratezza (voluta e cercata) soprattutto nei confronti delle donne..
    mi fermo qui altrimenti  la teutonica donna,giustamente, si adira 😉

  19. ladolcetempesta ha detto:

    #19   12 Ottobre 2009 – 14:30
     
    Tempestina,
    l’amabilità e l’affabilità della teutonica donna è fuori discussione. nessuno sta offendendo nessuno, ella ci ospita volentieri

    come darti torto son daccordissimo su quello che affermi dell’affabilosa proprietaria di codesto blog
     non volendo darti ragione su altro ne stimolarti ad’andare avanti sul’argomento che poi trascenderebbe di sicuro sui tonacatnti travestiti o di bianco vestiti non proseguo il commento
    dico solo che una benedizione mica vuol dire mettere il naso sotto le lenzuola
    emm vadovado sto educando ònnadriana all’uso di napoliblog
    cosi ci impreziosisce delle sue perle di saggezza
    un saluto :-))

  20. Rosslare ha detto:

    Tempestina?
    Benedizione? fosse solo quella…magari.
    quella è una faccenduola innocente. chiudiamo l’argomento.
    dai uno sguardo qui quando hai tempo.

    http://www.cinemavistodame.com/

  21. ziacris ha detto:

    ma quanta allegria

  22. affabile ha detto:

    Doceltempesta e Rosslare: evidentemente la piacevole musica ispirava amene conversazioni, no?
    A volte il mio blog mi sembra la verandina di Montalbano, lui torna e trova gente che lo aspetta lì…:)

  23. Rosslare ha detto:

    Teutonica donna,
    la tua gentilezza ormai non è più definibile  e classificabile   nemmeno dai proverbi 🙂

    ineffabile, amabile, affabile, adorabile…
    scegline uno a caso. non sbagli di sicuro  🙂

  24. missi ha detto:

    Molto bella! 😉

    Buona giornata, baci 🙂

  25. galea ha detto:

    conosco bene quel brano di Händel (vedi che da bravo studente di tedesco metto l’umlaut? XD) anche se, in un matrimonio, l’ho sentito solo al cinema, in Quattro matrimoni e un funerale. Io per il mio matrimonio ho già deciso che musica voglio… la sposa ancora non c’è, la musica sì XD

    ho letto solo oggi i tuoi commenti sul mio blog perché era più o meno da quando ci avevo scritto l’ultima volta che non passavo più – e forse, viste le ultime, avrei fatto meglio a continuare a non scrivere. Per quello che riguarda Chiaberge, spero sia chiaro che io lo stimo e difatti ogni domenica leggo il suo Contrappunto; ma, per l’appunto, da una persona come lui una caduta di stile di quel genere non me l’aspettavo.

    Sei andata al Tour? Non è che ci torni l’anno prossimo e porti pure me? 😉

    Marco

  26. amber433 ha detto:

    Ciao,

    Bellissimo brano di Händel, non lo si ascolta abbastanza, vorrei approfondirlo.
    In generale scelgono tutti la marcia nuziale di Wagner, ma a mio parere è più bella quella di Mendelssohn, oppure opterei anche per il Canon di Pachelbel.

    Adoro la musica classica, non mi stanca mai.

    Buona giornata
    Luisella

Rispondi a ziacris Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...