Omaggio ad Alfonso

La foto sotto l’ho già pubblicata due volte sul blog, ogni volta che fioriva questa bella bouganville. Quest’anno ho un motivo in più per farlo.

Alfonso, il titolare dell’officina meccanica a cui la pianta faceva da tenda d’estate quest’anno ha chiuso l’officina.

Un po’ per l’età e i dolori reumatici, un po’  perchè le auto non sono più quelle a cui lui era abituato, troppo computerizzate, troppo poco meccaniche.

Mi è sinceramente dispiaciuto perchè Alfonso con la sua gentilezza e generosità è un pezzo della memoria del quartiere.

Tanti giovani negli ultimi 50 anni hanno imparato a pasticciare sulle auto da lui che non si infastidiva mai a dare spiegazioni a qualche ragazzino troppo curioso.

Mio padre, cliente affezionato divenuto amico negli anni ha mantenuto i contatti con lui. Mi ha detto che dietro l’officina Alfonso ha un piccolo orto e passa le giornate a curarlo, non è divenuto certo un uomo inattivo pur avendo circa 80 anni.

Eppure che tristezza che mi fa oggi quell’officina chiusa, tanto più rivedendo la bouganville fiorita.

Questa voce è stata pubblicata in foto. Contrassegna il permalink.

21 risposte a Omaggio ad Alfonso

  1. caiovibullio ha detto:

    pure io conosco un Alfonso che fa l’orto

  2. AgapeMark ha detto:

    chi non si adegua “chiude” è triste ma oramai è cosi in questo mondo globalizzato…..e non solo per Alfonso….
    baci

  3. Rosslare ha detto:

    scusami Teutonica donna,
    avevo commentato ancora sul post precedente, non mi ero accorto del nuovo.

    non riesco ad identificare quel posto eppure al Vomero ho abitato per anni…
    non tanto l’officina ma la bouganville dovrei ricordamela, è splendida.

    80 anni un meccanico? ma questo è un miracolo!

  4. missi ha detto:

    Che bello che è Alfonso 🙂 …mi hai fatto rivivere un’emozione, grazie 😉

    Baci 🙂

  5. GcomeGiorgio ha detto:

    Oggi se entri in un’officina meccanica trovi macchinari che sembrano usciti dalla NASA. Lo capisco, Alfonso. Meglio cosi’, vivra’ piu’ a lungo, meno stress.

  6. ladolcetempesta ha detto:

    preso atto della bella eta’ di alfonso sembra pu’ giusto che si dedichi all’orto che a correre dietro agli infernali aggeggi della moderna e tecnologica meccanica
    e’ una cosa del tutto nturale alla sua eta’ mettersi alle spalle il lavoro anche se credo che ormai lo facesse piu per passione e come credo per spargere il suo sapere
    e la sua passione

    la cosa triste se vogliamo e che nessuno possa tirare su quella serranda che segua le sue orme
    come si faceva una volta di passare
    di padre in figlio

    un saluto :-))

  7. ziacris ha detto:

    Le officine mecaniche di una volta, che simpatiche, era il luogo di ritrovo degi uomini, come i barbieri

  8. affabile ha detto:

    Condivido dolcetempesta (e quindi anche giorgio e agape e rosslare) normale a 80 lasciare il lavoro triste però che non sia una scelta ma una rinuncia a una passione.
    Il figlio di Alfonso per anni ha aiutato il padre finchè non ha trovato un altro lavoro da impiegato.

  9. tittidiruolo ha detto:

    bello essere un pezzo di memoria del quartiere, come essere un pezzo di storia..

  10. letiziajaccheri ha detto:

    chissa’ come la prenderemo noi quando andremo in pensione. un po’ mi fa pena chi non smette mai di lavorare d’altra parte ci vuole coraggio anche per non lavorare.

  11. affabile ha detto:

    Interessante il tuo commento Letizia!
    Nel caso di Alfonso come ha capito qualcuno aveva trasformato il lavoro in passione e bene faceva a farlo.
    Nel nostro caso…davvero non so…un lunga pausa a me ha fatto più che bene ma non vorrei che fosse per sempre

  12. tittidiruolo ha detto:

    Per ora non sono matura per fare la casalinga pensionata o la pensionata soltanto, già mi sento morire a penaare a due mesi senza ragazzini con cui ridere arrabbiarmi e condividere..non scherzo..
    off topic
    il problema non è la sciatteria casalinga in cui ci troviamo spesso tutti noi: uomini e donne. Benvenga un po’ di relax!!
    Il problema è il messaggio che viene lasciato dai media in particolare televisione e riviste: donne perfette levigate, magre o gonfiate nei punti strategici, tutte UGUALI perfettamente ASSURDE… I nostri figli maschi a quale idea di donna avranno in testa? e le le bambine cosa mai faranno a l loro corpo se non rispecchia quei canoni falsi costruiti e assurdi??

  13. Brigant ha detto:

    alcune attività artigiane tendo a sparire.
    Peccato, alcune erano delle vere e proprie autorità :o)
    Ciao :o)

  14. giogugio ha detto:

    Quel che mi ha fatto più impressione è officna di quà, orto di là e sull’officina, a fare ombra, non l’onduline, ma una bella frondosa, colorata, fors’anche amata bougaville … e questo mi ha fatto quasi percepire la tristezza di Alfonso che va nell’orto, ma non ha più i suoi motori, non sente più odore di benzina, non si macchia di grasso, ma solo di terra… credo sia molto triste crescere, alimentare, curare un’officina, quasi come una pianta, e poi, un giorno, girarsi e lasciarla e con lei quel pezzo di te che non puoi spiegare, nè portarti da un’altra parte…
    E’ vero Alfonso meritava proprio un omaggio.

  15. Censorina ha detto:

    Ci sono persone, o meglio personaggi, che hanno fatto la storia del nostro mondo, figure che non si ripeteranno più in questo nostro mondo e che lasciano un vuoto dentro di noi.
    Il mio pensiero va alla postina (sempre la solita), al ciclista che riparava le biciclette di noi bambini senza assicurarsi che qualcuno passasse a pagare; al calzolaio che mi faceva gli zoccoli su misura perchè avevo i piedi magri; al dottore che girava tutto il paese con la sua borsa e potrei continuare.
    Ora tutto cambia, tutto va più in fretta e non sempre si riesce a star dietro.
    Grazie per avermi fatto ricordare molte cose.

  16. Diamanteviola ha detto:

    Peccato che nessuno dei giovani che ha imparato da lui abbia continuato l’attività…

  17. Wolfghost ha detto:

    Eh, ti capisco… posso immaginare, anche se 80 anni… se lo merita anche un po’ di riposo 🙂 Più che altro spero che chi rileverà quel posto avrà rispetto della bouganville.

  18. ondainlove ha detto:

    … bello però che la splendida bouganvillea continui a ricordarvelo…

  19. DottorBenway ha detto:

    per un attimo – connettendo il nome e l’immagine ambientalista – ho temuto che si trattasse del pecoraro scanio.
    dispiace anche a me quando scompaiono questi santoni popolari. anche perché ho paura che nel futuro persone generose ce ne saranno ben poco.

  20. affabile ha detto:

    Doc in effetti è scomparso anche lui dalla circolazione o sbaglio?

  21. Borbonico ha detto:

    Condivido, speriamo che non aprano al suo posto un pub o similia, ciao.

Rispondi a tittidiruolo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...