Catena poetica

La cara Tittidiruolo mi ha invitata a questa simpatica catena poetica nonostante le poesia sia un campo non ho mai esplorato troppo…ma il gioco è carino e non mi sottraggo. Ecco le regole e il mio svolgimento:

1. Citare almeno cinque nomi di poeti di ogni tempo e luogo di cui si è “innamorati”;

2. Citare alcuni versi significativi di almeno uno dei suddetti poeti;

3. In aggiunta o in alternativa al punto 2, (se è vero che siamo un popolo di poeti, navigatori, santi, ecc.) citare, con tutta la spudoratezza di cui si è capaci, almeno un PROPRIO componimento poetico o anche soltanto alcuni versi di esso;

4. Per i veri patiti dell’arte poetica, sarebbe gradito un componimento anche brevissimo, creato e pubblicato appositamente in prima esclusiva per questo gioco blogghereccio;

5. Si possono interpretare in piena libertà i suggerimenti di cui sopra, tuttavia si richiede un minimo di "serietà" in rispetto della nobile arte nella quale vi chiedo di cimentarvi a qualsiasi livello, ma con ONORE;

6. Infine… invitare alla partecipazione altri bloggers (3, 6, 9…) e raccomandare il rispetto di queste semplici regole ai malcapitati.

1.Nomi dei poeti (ma innamorata del gobbo è un parolone….): Qohelet, Leopardi, Catullo, Masters, Dante

2.Di Leopardi l’incipit della ginestra "Qui sull’orrida schiena del formidabil monte sterminator Vesevo" in un solo verso tre aggettivi…orrido, formidabil sterminator si piomba subito in un’atmosfera noir…Oppure di Catullo "ti voglio meno bene ma ti amo di più"

3.Mi si è chiesta spudoratezza e spudoratezza sia…ho composto poesie solo intorno ai 14 anni, poi buttai il libretto quindi non ricordo nulla o quasi, come qualcosina dedicata a un giovane cuoco che in quel tempo mi interessava si chiamava "amore" e iniziava "è una freccia che vola senza meta e all’improvviso colpisce il bersaglio"

4 e 5 non sono vera patita quindi passo

6 invito: Cettyna, mary17, delphine56, bellailee, Kymma, Cosimopiovasco, Uligai, Astridonline, Dorame

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in catene, libri. Contrassegna il permalink.

16 risposte a Catena poetica

  1. tittidiruolo ha detto:

    Evvai tutto d’un fiato! brava..!
    🙂 fai buon bagno!

  2. keypaxx ha detto:

    Una poetica catena è una poesia tra gli anelli disparati.
    😉
    Un sorrisone per un lieto fine settimana.
    ^____^

  3. monicamarghetti ha detto:

    io la devo ancora fare ma la farò di sicuro!
    un abbraccio e buon week end
    moni

  4. delphine56 ha detto:

    Già dato…..comunque grazie, magari un giorno o l’altro la scrivo davvero una poesia

  5. Cosimopiovasco ha detto:

    Buffo che ci siamo incrociati :-)…
    Vuol dire che questa catena sta proprio diventando popolarissima…
    Sai che a Catullo ci avevo pensato anch’io?… avevo una mezza intenzione di citare il Carme XVI :-).. poi ho pensato che qualcuno mi avrebbe tolto il saluto…
    Un sorriso, tuo
    Cosimo

  6. dorame ha detto:

    Cara grazie dell’invito provvederò al più presto…ma ora sono intenta a fare la guida turistica nella nostra meravigliosa e caldissima città per due amici inglesi…ti prometto che appena partono rispondo!!!!

  7. tittidiruolo ha detto:

    @monica
    appunto signora… appunto. Sto aspettando…

  8. affabile ha detto:

    Titti ma dovresti saperlo Monicuccia ha i suoi tempi…tu pensa che mi chiese una ricetta d’inverno e gliela diedi peccato che poi l’ha pubblicata due mesi dopo con il caldo e giustamente tutti a dire che per la stagione era piuttosto pesantuccia….:)

  9. tittidiruolo ha detto:

    AUGURI A LIDIA! oggi è santa lidia!!

  10. anonimo ha detto:

    1)Paul Valèry. Il cimitero Marino. Le vent se leve… il faut tenter de vivre.
    Intraducibile.
    2) Qohèlet nella versione di Gerolamo. Quodcumque manus tua facere posse, instanter operare quia nec opus, nec atio nec sapientia nec scientia erunt ad inferos quo tu properas.
    Tutto ciò che la tua mano sarà in grado di fare fallo subito (instanter.. forse megliofinchè sei forte traduce meglio il termine ebraic) perchè non c’è attività, o ragionamento (orribile, ma non trovo di meglio) conoscenza o sapienza alcuna nella terra dei morti dove tu andrai…
    3) Villon La ballade des dames du temps jadis. tutta, ma ovviamente ou sont les neiges d’ antan
    4) Goethe Faust Atto Primo Werd ich zum augenblicken sagen : Vorweile doch du bist so schoen dann magst du mich in fesseln sagen dann will ich gern zugrunde gehn
    .. e se dirò all’ attimo…fermati, sei così bello allora mi potrai trarre in catene e volentieri andrò in rovina
    5) Dante TUTTO, Uno fra tanti : Canto di Guido da Montefeltro XXVII… “li disse – Non portar non mi far torto, Venir sen dee già co’ miei meschini, perchè diedi il consiglio frodolente, dal quale in qua stato li sono a crini, C’ assolver non si può chi non si pente nè pentere e volere insieme puossi, per la contraddizion che nol consente ! Oh me dolente come mi riscossi quando mi prese dicendomi Forse tu non pensavi ch’io loico fossi…. E FEDERICO PERSE L’ ANIMA (nota il figlio si salvò Vedasi V Purgatorio, stessa scena, ma qui è il demonio che perde l’ anima… per una “lagrimetta”) POTENZA DRAMMATICA DI DANTE….
    6) Rutilio Namaziano De Reditu suo. “ordo renascendi est crescere posse malis” E’ legge della rinascita farlo attraverso molto dolore
    7) Archipoeta. testamentum Goliae “res est arduissima vincere naturam in aspectum virginis mentem esse puram, iuvenes non possumus legem sequi duram leviumque corporum non habere curam” – Ritengo non ci sia bisogno di traduzione. Il testo è chiarissimo… e sono versi universali…
    8) Kipling “If” TUTTA.
    9) BLAKE “We read the bible day and night But you read black where i read White” Il massimo dell’ incomunicabilità umana
    10) Prevert ” Mais les enfants qui s’aiment sont bien plus hautes du jour, ils sont dans l’èblouissante clartè de leur première amour” (lea enfants qui s’aiment) Ma i ragazzi che si amano sono molto più in alto del giorno, sono nell’ abbagliante splendore del loro primo amore… Quell’ èblouissante vale un Nobel…e fotografa quello che mi auguro tutti abbiano provato almeno una volta-

    … und so weit so weit so weit….

  11. mary17 ha detto:

    E’ una bella catena, peccato non aver il tempo materiale per farla!
    Parto mercoledi’ mattina ad ore antilucane, devo fare ancora una marea di cose!
    Buona permanenza qui!
    smack, smack!!!

  12. monicamarghetti ha detto:

    e brava Lidia io ho svolto il mio compito stanotte:))
    un bacione
    monì

  13. affabile ha detto:

    Ehi utente anonimo più passa il tempo più me ne convinco devi avare il blog anche tu! Hai visto? Abbiamo due poeti in comune! Sai che avevo pensato anche io a Prevert e proprio la tua poesia? Però poi son voluta restare a 5 anche perchè Preverti in lingua originale non l’ho letto….

  14. Bellailee ha detto:

    1-Pablo Neruda, Alda Merini, Mariangela Gualtieri, Giorgio Caproni, Kate Knapp Johnson
    2- Caproni, il titolo non me lo ricordo: “Mi avvicinavo al bicchiere/ sempre/ con animo leggero/
    Qualcuno pensava/ sempre/ a rendermelo veleno”
    Neruda, Mi piaci silenziosa:
    “Mi piaci silenziosa”
    …L’avevo imparata a memoria, era lunghissima, ma mi ricordo solo questo verso!
    E poi l’ultima che ho scoperto, Kate Knapp Johnson, The Meadow:
    “Half the day lost/ staring at this window./ I wanted to know just one true thing/ about the soul”
    Non è meraviglioso questo verso?!?!
    3-Sono su una vecchia agenda che non so più dov’è…
    4-Questa l’ho scritta ora qui al lavoro:
    “jesus jesus
    what the hell
    i’m so tired
    i’m going to bed”
    Do you like it??

  15. cettyna ha detto:

    Eccomi qua! Anche se con ritardo prendo parte alla catena poetica!
    1)Leopardi: e il naufragar m’è dolce in questo mare
    2)Pascoli: don don e mi dicono dormi, mi cantano dormi, sussurrano dormi, mi arrivano suoni di culla che fan che io torni com’era. Sentivo mia madre, poi nulla, sul far della sera
    3)Angelo Barile: Hanno stinto
    il tempo ed il salino tante in me cose e non quel nome: spira dal tuo celeste ancora la bella brezza.
    4)San Paolo di Tarso: se parlo le lingue degli uomini e anche quelle degli angeli ma non ho amore sono come un metallo che rimbomba, uno strumento che suona a vuoto.
    5)Rudyard Kipling: Se puoi riempire un inesorabile minuto con un viaggio lungo sessanta secondi tua è la terra e quanto vi è in essa, e – cosa ancor più importante – tu sarai un uomo figlio mio!

  16. affabile ha detto:

    Molto interessante…Kipling e la sua if votate da tue commentatori…io conosco solo questa poesia..per il resto non ci posso far nulla Kipling mi fa venire in mente soprattutto Rokko Smitherson e le sue poesie “de ki?” “pling!!!!”!!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...