Piccoli suicidi tra amici

Non dirò nulla della trama di questo libro. Chi lo ha letto non ne ha bisogno, chi non lo ha letto non deve avere alcuna anticipazione.

Scrivo solo che l’ho trovato davvero carino e divertente, da molti anni credo non ridessi tanto leggendo un libro (forse il primo Camilleri che mi capitò, il birraio di Preston), l’ho letto quasi tutto in treno e la gente si voltava a vedere cosa facesse ridere tanto…

E mi è piaciuto anche perchè, malgrado il titolo, altro non è che uno giocondo inno alla vita.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in libri, sorrisi. Contrassegna il permalink.

14 risposte a Piccoli suicidi tra amici

  1. tittidiruolo ha detto:

    l’ho letto di recente. Mi piace moltissimo lo stile dell’autore, e francamente niente di meglio che un lungo viaggio in compagnia per guarire dalla depressione! 🙂

  2. keypaxx ha detto:

    Un osservazione di cui terrò nota. E’ da molto che non leggo qualcosa di davvero divertente.
    Un sorriso a te.
    ^____^

  3. monicamarghetti ha detto:

    allora questo me lo prenderò:)))
    un bacio e buona giornata
    monì

  4. Bellailee ha detto:

    Il titolo ispira molto…!

  5. Bellailee ha detto:

    Il titolo ispira…

  6. kymma ha detto:


     il titolo è tutto un programma BACI BY IMMA

  7. perilla ha detto:

    beh, c’è bisogno di ridere un po’, seguirò le tue indicazioni.

  8. anonimo ha detto:

    Mossa dalla curiosità sono andata a comprare il libro!
    Dopo aver vagato sotto il sole caliente delle tre del pomeriggio e dopo esser stata in tre diverse libreria….ho raggiunto il mio intento!!!!!!
    Le prime pagine sono interessanti….

  9. mary17 ha detto:

    Ben venga qualcosa di divertente, magari da portarsi in spiaggia!

  10. carlac ha detto:

    Un passaggio per lasciarti un grossissimo saluto, ciao Carla

  11. keypaxx ha detto:

    Ti lascio un abbraccio ed un sorriso al volo. Confidando che tutto vada bene..
    ^____^

  12. monicamarghetti ha detto:

    ciao Lidia cara un saluto affettuoso
    monì

  13. Cosimopiovasco ha detto:

    Non conosco… Il birraio di Preston invece sì… lo giudico una delle cose migliori di Camilleri, un piccolo capolavoro sottovalutato (e forse offuscato dall’ingombrante figura del commissario Montalbano)… però da ridere mi ricordo poco… anzi mi parve un romanzo pervaso da una grottesca (questo sì!) tragicità che mette i brividi…
    Un sorriso, tuo
    Cosimo

  14. affabile ha detto:

    Utente anonima…non dovrò mica sentirmi in colpa che hai preso un colpo di calore…in libreria alle 15 con questo caldo?

    Cosimo hai ragione mi sono sempre chiesta perchè il birraio non ha avuto lo stesso successo degli altri non montalbaneschi come la scomparsa di patò o la concessione del telefono. A me sembra il migliore, forse perchè è il primo che ho letto di C. e si sa il primo amore non si scorda mai. A me fece ridere…sopratutto all’inizio nella scenda della prima rappresentazione…

Rispondi a tittidiruolo Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...