Cinema all'aperto – Quattro minuti

Le tre cose che mi piacciono di più dell’estate sono i bagni di mare, l’anguria e  il cinema all’aperto.

Questa anno ho visto due film  sotto le stelle: "La ricerca della felicità" (una delusione), a Villammare e qui a Napoli "Quattro minuti".

E’ stato proiettato al Poggio di Capodimonte da dove mancavo dal 1983, quando c’erano i containers e io andavo ad animare feste con i bambini terremotati (che a dire il vero avevano solo 3/4 anni meno di me). Da qualche anno lo hanno trasformato in un bel parco pubblico di cui mi avevano sempre parlato e non ero mai stata. C’è un laghetto con una fontana/cascata attorniata da un anfiteatro. Lo schermo era montato sul laghetto. Bella serata.

Sul film, sono perplessa….

La storia è ben costruita, le protagoniste sono bravissime, le musiche coinvolgenti, il finale liberatorio, ai miei amici è piaciuto tanto eppure….mi ha lasciato a disagio la violenza della giovane detenuta, violenza, come via via si capisce, presente più nel suo animo che nei suoi gesti.

E’ vero che certe cose se la storia lo richiede vanno mostrate. Eppure il confine tra necessità narrativa e autocompiacimento descrittivo a mio avviso sono spesso labili. E’ forse per questo motivo che incosciamente, anche se tutti lo osannano, non mi sono mai avvicinata a un film di Tarantino (se escludiamo "Dal tramonto all’alba", carinissimo, in cui lui è soltanto attore).

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in amici, cinema, napoli. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...